Nutrimento con la DanzaMovimentoTerapia

Il Gusto:

Lo abbiamo approcciato attraverso la Mindfulness con l’esperienza di Mindful Eating: https://elenafossati.wordpress.com/2020/05/20/mangiare-unesperienza-sacra-mindful-eating/ 

Nelle settimane precedenti abbiamo dato spazio attraverso la DanzaMovimentoterapia alla vista e al con-tatto

L’esperienza corporea di oggi attraverso la DanzaMovimentoTerapia ci permetterà di sentire come possiamo nutrirci, simbolicamente, attraverso l’espressione creativa del nostro corpo e del nostro movimento quotidianamente.

Un’ Esperienza di un semplice movimento come camminare avanti indietro, a destra e a sinistra, per nutrire il nostro corpo fisico… Facendo evolvere questo tipo di movimento in un movimento che si ripete sempre uguale a se stesso nelle direzioni  e che possiamo trasformare, attraverso il nostro processo creativo, in una danza, una danza che andando a segnare le direzioni nord, sud, est, ovest va a disegnare una croce, elemento simbolico  disegnato dai nostri passi, dalla nostra gestualità…

Creativamente presenti a un ritmo e a un tempo, il movimento e i passi nutrono la nostra spiritualità, disegnando il nostro spazio sacro.

#BuoniGiorni

Elena 

DanzaMovimentoterapia… Sguardi

Potrete leggere molti articoli sulla di DanzaMovimentoTerapia inserendo nel blog nella sezione ricerca il termine… DanzaMovimentoTerapia

Oppure potreste leggere questo articolo pubblicato per la Settimana del Cervello
https://www.settimanadelcervello.it/cervello-corpo-mente-mindfulness-e-danzamovimentoterapia/
o iscrivervi all’incontro Skype del prossimo 22 maggio


https://www.settimanadelcervello.it/event/corpo-mente-cervello-la-mente-spiegata-al-cervello/

Oggi vorrei introdurvi attraverso questa pratica corporea a una attività esperienziale che potrete fare interagendo con il video
https://youtu.be/lTg5y2Jo7bA

Nell’articolo Sguardi… ho dedicato una prima riflessione alle emozioni, alla vista…

Gli occhi sono lo specchio dell’anima?
Cosa comunica il mio sguardo?
Posso accarezzare con gli occhi?
Sono presente allo sguardo, al mio movimento e al mio corpo?

Alleniamoci a tutto questo perché nelle nostre relazioni personali, sociali, professionali gli occhi, sempre più, saranno simbolicamente, le nostre mani, il nostro sorriso,… i nostri abbracci!

#BuoniGiorni

Elena

Psicomotricità e DanzaMovimentoTerapia. Giocare con le forme

Buona Settimana in Fase 2!

Il lunedì è il giorno dedicato ai bambini, ma questo non vuole dire che gli adulti vengono dimenticati! Proprio partecipando alle iniziative con i bambini possiamo ri-scoprire anche qualcosa di noi…

Oggi il protagonista sarà il corpo con la sua creatività:

Attraverso il corpo e la fantasia, faremo entrare la musica nel corpo, la sentiremo e ci trasformeremo… e con questo video potremo farlo insieme.

Attraverso questo video voglio anche salutare tutti i bambini delle scuole dell’infanzia con cui avrei danzato, giocato, creato attraverso il corpo, in questi mesi… Alcuni bambini, forse li rivedrò l’anno prossimo, altri li voglio salutare così… Ricordatevi sempre che la musica è dentro di noi a partire dal nostro ritmo, che ha casa nel nostro cuore…!

Elena Fossati

Poi dalle forme del corpo, con Monica passiamo a giocare con le forme vere e proprie per creare delle figure.

Possiamo prendere dei giornali e giocare a ritagliare forme: rettangoli, quadrati, triangoli,… e creare delle vere opere d’arte… oppure potete prendere oggetti (con l’autorizzazione di mamma e papà) che hanno delle forme, es. una coperta rettangolare, un libro,… lo scotch rotondo … e con queste forme creare delle figure…

Scopri le forme del tuo corpo e dei materiali e crea, figure, sculture,… e inviacele e noi le pubblicheremo!

#BuoniGiorni!

Elena

IN MOVIMENTO

Un venerdì in Movimento, per prepararci al fine settimana!

Uno spazio con il Fisioterapista a casa con Nicolò. Oggi Nicolò ci farà fare della ginnastica posturale per la schiena e il core.

Con me (Elena) DanzaMovimentoTerapia e con-tatto: è molto importante entrare in relazione con nostro il nostro corpo. Attraverso la DanzaMovimentoterapia e la consapevolezza del con-tatto entreremo in una relazione corporea con il nostro movimento.
La pratica è adatta per tutte le età, anche ai bambini insieme ai loro genitori.

Sabato ci ritroveremo in Skype per MediTiAmo!? dalle 18:00 alle 18:45.
Per motivi di sicurezza pur mantenendo l’evento gratuito e per tutti, non divulgheremo più i link sui canali social, ma ve li invieremo dopo vostra conferma di presenza, scrivendoci ed esprimendo il vostro interesse ad aderire agli incontri.

Domenica uno spazio di Danze Sacre e Meditative con Marta riunirà un gruppo di “Donne di Danza” da tutta Italia per un momento di meditazione con la danza, dedicata a tutti noi che in questo momento stiamo vivendo a livello mondiale questa situazione.

#BuoniGiorni

Elena

Movimento e Benessere allaTerza Età

Le restrizioni aumentano, ma tu non fermarti e prenditi cura del tuo corpo, della tua mente e delle tue emozioni! 

Una semplice sequenza di movimenti per la terza età una bella età, da potere fare in casa o all’aperto! 

Elena Fossati, per l’associazione anziani Argento Vivo, da anni propone gruppi di movimento e benssere attraverso la DanzaMovimentoTerapia e ginnastica dolce, Mindfulness e Tecniche di Consapevolezza.

Per Approfondimenti:

https://elenafossati.wordpress.com/2017/10/25/terza-eta-bella-eta/

https://elenafossati.wordpress.com/2015/03/25/terza-eta-movimento-e-creativita/

https://elenafossati.wordpress.com/2019/01/23/movimento-e-benessere-a-tutte-le-eta/

#BuoniGiorni

Elena

Consapevolezza e Ben-Essere in Movimento

“Fermarci e ascoltare la dinamicità del proprio corpo, per ottenere una consapevolezza maggiore del proprio stato di salute e prevenire problematiche tipiche causate da incorretti stili di vita!”.

Simone Barlassina, Massoterapista “Lo Spazio”

Questi sono giorni in cui non possiamo accedere a palestre, piscine, centri per il benessere. Anche il Massoterapista Simone che da anni collabora con me a “Lo Spazio”  non può condurre il suo gruppo. 

Penso sia interessante osservarci e riflettere su quanto abbiamo portato con noi in tutti questi mesi e anni che ci siamo dedicati al nostro ben-essere: cosa ho imparato, quali consapevolezze ho acquisito?

Come terapisti il nostro obiettivo non è solo fare stare bene le persone nell’ora di corso, di terapia, durante l’attività (questo anche certamente), il nostro scopo è però farti/farvi stare bene quando uscite dall’attività, dalla terapia. Potrà succedere che proprio perché starete bene, ci saluterete e andrete a sperimentare altro e noi (sembra strano) saremo felici con voi, perché avremo fatto il nostro lavoro! 

L’esperienza

Le nostre attività si basano sull’esperienza proprio perché, attraverso una serie di esperienze impariamo ad ascoltare il nostro corpo acquisendo una consapevolezza ed una conoscenza basilare delle strutture e funzioni del corpo una consapevolezza di ciò che accade all’interno del corpo.

E tu sei consapevole del tuo corpo? 

L’esperienza ci fa essere consapevoli che tutto cambia, che tutto è in movimento (nel Buddhismo: che tutto è impermanente). Tutto scorre. Tutto si muove. Dove c’è vita c’è movimento, c’è azione, c’è energia.

Mi piace sempre riprendere le parole di Aristotele: 

“La vita è movimento, il movimento è vita”.

 Ἀριστοτέλης, Aristotélēs -Stagira 384 o 383 A.C. – Calcide 322 A.C.

Il movimento

L’apparente inerzia della materia, a livello atomico, è un vorticoso movimento di energia.

In natura vi è un continuo movimento, continue metamorfosi e un perenne rinnovarsi di tutte le cose: pensiamo al mare, alle stagioni, ai ritmi biologici.
Se lo riflettiamo nella nostra vita, quanto più dinamismo viviamo, quanto più movimento vi introduciamo, tanto più ci sentiamo energici e vitali; ciò accade non solo relativamente al movimento fisico o ad un continuo stato di agitazione cinetica, ma anche nel mutamento delle sensazioni, nell’alternanza di sentimenti opposti , nei pensieri che vanno e vengono, in tutti i movimenti interni ed esterni.

Perché è proprio così: quando facciamo un passo non siamo più nello stesso posto di prima.
Il senso più profondo del movimento è dunque l’atto del cambiare.
Perché a volte perdiamo la fluidità spontanea del cambiamento?
Perché talvolta tendiamo a cristallizzarci nei comportamenti come negli atteggiamenti?

L’inerzia

L’inerzia, che in fisica è la tendenza della materia a non modificare il suo stato di quiete o di moto uniforme, forse è la radice più profonda della difficoltà di cambiare. Inerzia non è soltanto immobilismo, è anche il ripetitivo, meccanico movimento nel quale la nostra energia si addormenta in una routine inutile e a volte non più funzionale.
L’inerzia risponde anche ad una tendenza al risparmio: l’azione o la reazione, più volte sperimentata, evita lo sforzo di cercare qualcosa di diverso, che ci metterebbe di fronte a situazioni nuove che dovremmo imparare a gestire con impegno e presenza (la nostra zona comfort).
La ripetitività può quindi risultare anche comoda per la routine di tutti i giorni, dando un ritmo alla nostra esistenza che può così procedere automaticamente

È bene comunque sottolineare che l’inerzia, peraltro, è una qualità essenziale e necessaria in quanto rappresenta la staticità che consente il mantenimento della forma di qualsiasi cosa.

L’energia

In natura convivono armonicamente questi due opposti principi: quello del movimento, della trasformazione continua di energia e quello dell’inerzia.

E noi esseri umani ci troviamo a confrontarci con queste due forze: a volte siamo energia in movimento, a volte stiamo apparentemente fermi.

Un’energia non materiale!

Come c’è nella natura, c’è anche in noi, esseri umani.

Dunque la nostra stessa vita dipende da forze, da energie che non possiamo toccare, ma che possiamo sentire.

Proprio come le stelle trasformano l’energia della fusione atomica in luce e calore, le piante trasformano l’energia della luce solare in zuccheri, noi esseri umani abbiamo la possibilità di trasformare energie emozionali, spirituali e mentali in molti modi diversi: dall’uso di forze distruttive, all’arte. Possiamo dunque dire che tutte le relazioni che creiamo nascono con un scambio di energia più o meno consapevole.

Più saremo consapevoli della nostra forza energetica, più avvertiremo questa energia sottile e dinamica circolante in tutto il corpo che pulsa ritmicamente, più saremo portati all’azione.
E tu sei consapevole della tua energia? 

Prenditi un tempo oggi per sentire la tua energia, la tua inerzia, il tuo movimento, la tua esperienza, senza giudizio, con consapevolezza! 

A domani! 

#Buonigiorni

Elena e Simone 

Ringrazio Simone Barlassina per la collaborazione nella stesura dell’articolo: http://www.lospazio.org/i-professionisti.html

Movimento e benessere a tutte le età!

Movimento e benessere a tutte le età!

A tutte le età l’attività fisica, soprattutto se guidata da professionisti formati, è benessere.

Foto di Elena Fossati

Anche “quotidianosanità” ci riporta nell’articolo, che potete visionare a questo link:

http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=70123&fr=n

(…) l’importanza dell’attività fisica guidata per tutte le età, soprattutto nella terza età. 

Fare attività fisica guidata e mirata, oltre a camminare (attività aerobica), attività utile per tutti, se non ci sono controindicazioni da parte del medico, consente alla persona di attivare il proprio corpo globalmente in modo anaerobico, eseguendo attività di sforzo contenuto e di leggera fatica. 

Queste attività, esercizi, movimenti mirano, in tutte le diverse discipline, al rafforzamento muscolare, al corretto movimento degli arti inferiori e superiori, del tronco e del capo. I professionisti seguono i partecipanti indicando e mostrando gli esercizi, i movimenti e insegnando tecniche di respirazione. 

Le discipline si differenziano per la metodologia di riferimento e per le loro origini. Ogni disciplina ha delle sue peculiarità; sicuramente per ogni metodo è fondamentale la preparazione del professionista. 

Per concludere se fare movimento, attività fisica guidata, è utile sia nella prevenzione, per una vita in salute, che nell’accompagnamento nella cura di alcune patologie, è indispensabile informarsi sui conduttori che vi guideranno nei vostri incontri di gruppo o individuali. Chiedete i loro titoli di studio, la loro formazione,… Chiedete di potere provare l’attività, prima di iscrivervi e soprattutto condividete con loro le vostre problematiche e difficoltà. 

E a tutti buona attività fisica, buon movimento e benessere! 

Per approfondire:

Terza età… Movimento e Creatività

Elena Fossati

“Lo Spazio” 

Il significato del movimento, the meaning of movement, le perle wellness 8 agosto

Il significato del movimento. 

Mi capita spesso leggendo e studiando di trovare testi e spunti utili non solo per la mia professione. 

E’ il caso del testo, edito solo in inglese (al momento) “The Meaning of Movement. Embodied Developmental, Clinical, and Cultural Perspectives of the Kestenberg Movement”, di Janet Kestenberg Amighi, Susan Loman, K. Mark Sossin, © 2018 – Routledge.

Un testo per professionisti DanzaMovimentoTerapeuti, per psicologi, una guida per introdurre il profilo di movimento Kestenberg (KMP) Un testo che invita i professionisti,  i clinici e i ricercatori a riflettere sul comportamento non verbale,  sul movimento del corpo 

Le persone, i genitori, i professionisti faticano a osservare il movimento, la natura del movimento umano, del bambino come gesto espressivo. 

Questo testo attraverso degli esempi porta i professionisti nella pratica. 

Sabine C. Koch* evidenzia che spesso genitori, educatori e professionisti della salute mentale non apprezzano la comunicazione non verbale attraverso il movimento, i gesti le espressioni del viso

Il Kestenberg Movement Profile (KMP) è un sistema prezioso per aumentare la comprensione delle interazioni umane.

Cos’è il KMP?

Il Profilo di Movimento Kestenberg è un sistema di descrizione della salute psicologica di una persona osservando i movimenti del corpo. Si basa su un sistema di analisi del movimento (Laban Movement Analysis) adattato alla psicologia dello sviluppo. E’ quindi utile per chi si occupa di bambini, adolescenti, ma anche per chi si occupa di adulti!

E’ un aiuto per i genitori per favorire una migliore crescita dei loro bambini.

Gli educatori hanno un aiuto per supportare le persone con diversi stili di apprendimento

Gli operatori sanitari possono acquisire indicatori di tappe psicologiche

Il corpo e il suo modo di muoversi rivela i sentimenti e le emozioni di un individuo, ma può darci anche una panoramica sul passato della persona. 

Tutte le esperienze di vita vengono immagazzinate nel corpo e si riflettono nel movimento del corpo. 

Ecco perchè è importante per i genitori, gli educatori, gli insegnanti portare l’attenzione al corpo, al movimento dei bambini, degli adolescenti, degli adulti…. perchè tutto passa dal corpo, anche le nostre parole.

 

English Translation:

The meaning of movement

I often read and study to find texts and ideas useful not only for my profession.
This is the case of this book, only published in English (at the moment), “The Meaning of Movement. Embodied Developmental, Clinical, and Cultural Perspectives of the Kestenberg Movement”, by Janet Kestenberg Amighi, Susan Loman, K. Mark Sossin, © 2018 – Routledge.

A book for Dance Movement Therapists, psychologists, a guide to introduce the Kestenberg movement profile (KMP). This book invites professionals, clinicians and researchers to reflect on non-verbal behavior and on the body movements.

People, parents, professionals struggle to observe the movement, the nature of human movement, the child movement as an expressive gesture.

This book brings professionals into practice through examples.

Sabine C. Koch* highlights that often parents, educators and mental health professionals do not appreciate non-verbal communication through movement, gestures, facial expressions.
The Kestenberg Movement Profile (KMP) is a valuable system for increasing the knowledge of human interactions.

What is KMP?

The Kestenberg Movement Profile is a system for describing a person’s psychological health by observing the body movements. It is based on a system of movement analysis (Laban Movement Analysis) adapted to the psychology of development. It is therefore useful for those who take care of children, teenagers, but also for those involved with adults!

It is a help for parents to encourage their children to grow better.
For educators to have help to support people with different learning styles.
For health professionals who can acquire indicators of the psychological stages.

The body and its way of moving reveal the feelings and emotions of an individual, but can also give us an insight into the person’s past.

All life experiences are stored in the body and are reflected in the movement of the body.

This is why it is important for parents, educators, teachers to pay attention to the children, the adults, the adolescents movements because everything passes through the body, even our words.

*Sabine C. Koch:

MA, BC-DMTpsicologa e terapeuta movimento danza, capo del programma di master in movimento terapia della danza presso la SRH University di Heidelberg; Direttore dell’Istituto di ricerca per terapie di arti creative, Università di Alanus, Germania

MA, BC-DMT, psychologist and dance movement therapist, chief
of the master program in motion dance therapy at the SRH University in Heidelberg; Director of the Research Institute for Creative Arts Therapies, University of Alanus, Germany.

 

Elena Fossati

“Lo Spazio”

 

Terza età una bella età

Terza età una bella età

Una mia collega DanzaMovimentoTerapeuta, anni fa, aveva chiamato così un suo corso; oggi prendo a prestito il suo titolo per questo articolo.

Domenica nell’inserto Salute de “Il Corriere della Sera” ammiravo la fotografia del mio attore preferito, Robert Redford, con Jane Fonda, grande attrice e grande donna, presenti allo scorso festival di Venezia con questo film “Le nostre anime di notte”

Lunedì mattina al gruppo DanzaMovimentoterapia per la terza età

http://www.superfluonecessario.it/terza-eta-movimento-e-creativita/

chiacchieravo con il mio gruppo di donne in merito alle attività, allo stile di vita, che ci aiuta nel vivere al meglio i nostri anni, di quanto sia importante camminare, mangiare bene, ridere, chiacchierare, leggere, avere relazioni sociali,…

In questo post ho  deciso di raccogliere per voi alcuni articoli interessanti redatti da nomi, altrettanto interessanti, e che possono darci indicazioni e spunti per “crescere” meglio a qualsiasi età!

Tratto da Pressreader

http://www.corriere.it/salute/17_ottobre_18/esercizio-fisico-dieta-peso-forma-costanza-4997a93a-b40c-11e7-b73f-b517701f3ad7.shtml

http://www.corriere.it/salute/sportello_cancro/cards/cinquanta-abitudini-che-ti-possono-aiutare-vivere-piu-lungo-secondo-scienza/corri_principale.shtml

Come sostengono le mie signore:

E’  importante prendersi cura di sé fin da subito e non dirsi lo farò più avanti!

Prendetevi cura di voi, sempre!

Buon ultimo mercoledì di ottobre!
Elena Fossati
“Lo Spazio”

M come…

Iniziamo con il gioco “M come…” e subito ci vengono alla mente parole, animali, cose … ma oggi ci soffermiamo su alcune parole!

M come…

MOVIMENTO
MEDITAZIONE
MANTRA
MUDRA
MAMMA
MARE
OM

In questa lettera sono racchiuse sonorità, archetipi, simboli che ci riportano a noi stessi/e alle nostre radici.

E oggi vorrei condividere con voi alcune semplici parole, magari per vivere Meglio con noi stesse/i.
Se qualcuno/a trova qualche altra parola-frase positiva e evocativa con questa sonorità, mi scriva!

MOVIMENTO: “La Vita è Movimento, il Movimento è Vita!” -Aristotele-. Il movimento ci appartiene fin dal primo movimento nel grembo materno. Tutto è movimento! Abbiamo quindi la necessità di muoverci con consapevolezza e armonia. Vi propongo: troviamo  uno spazio per portare l’attenzione a questa caratteristica che ci appartiene e ci permette di fare tutto, nel nostre giornate. Proviamo a muoverci con consapevolezza magari per 1 minuto, portando proprio alla nostra attenzione e presenza il nostro MOVIMENTO. Oppure ballate, fate ginnastica dolce, camminate, praticate yoga… o se volete correte…

MEDITAZIONE: preghiera, rilassamento … Questa parola è tanto pubblicizzata oggigiorno, ma cosa significa? Forse è meglio dire cosa non significa. Non è concentrazione, in quanto la concentrazione è un’azione della mente che si mette a fuoco su un punto, una quesitone. Non è contemplazione che si allarga come tematica a qualcosa di più grande, vasto.
Forse l’unica affermazione che si può dare è che è uno stato: “Sono in Meditazione!” e forse si trova tra la concentrazione e la contemplazione, o forse li comprende? Sperimentate voi!

MANTRA: non è una formula magica, ma sicuramente la parola sanscrita porta in sé una magia fatta dal nostro mondo interno. Il mantra modifica, libera, agisce sul pensiero, la mente, l’anima… Il Mantra è presente in tutte le culture tradizionali, religioni, pratiche spirituali in modi e con sfumature diverse. Anche gli psichiatri hanno parlato, dal loro punto di vista, di Mantra: es. il dot. Bion e la profezia che si autoavvera!

OM è un Mantra, o è il mantra per definizione, la base dei mantra. E’ il suono primordiale, il Verbo della Bibbia, da cui tutto deriva.

MUDRA: un gesto, dei gesti, usati in diverse religioni. Questi gesti hanno delle conseguenze sul piano fisico, psichico e spirituale. Usati spesso nella pratica Yoga per completare le posizioni (ASANA). Usati in alcune danze indiane e buddiste.

MAMMA: Madre. Parola che contiene il suono M, facile da pronunciare, perché ricorda la posizione delle labbra durante la suzione. Condivisa nel diverse culture.

MARE: il suono M, acqua…. Cosa vi ricorda? Mamma, grembo,… quante assonanze con le altre parole sia nel suono, sia nei simboli, archetipi, legami…

Vi propongo: perché non darci uno spazio per sperimentare questo suono “M” attraverso il movimento, i Mantra, le Mudra…anche portando un po’ di attenzione a ciò che facciamo…

Buona Settimana

Elena Fossati
“Lo Spazio”