Sofrologia, cosa è?

Cosa è la sofrologia , una disciplina dal nome così particolare, difficile?
Il termine deriva dalle parole greche “sos”, che vuol dire equlibrio, “phren”, ovvero il senso di coscienza, e “logos“, che è lo studio.
Messa a punto da un medico occidentale, che ha lavorato a Madrid e ora lavora nel principato di Andorra, il Dott. Alfonso Caycedo (nato nel 1932 in Colombia, emigrato in Spagna per studi e lavoro).
http://www.sofrologiaonline.com/storia-della-sofrologia-caycediana.html

La Sofrologia aiuta a rilassare la mente e il corpo.
In alcuni articoli di qualche tempo fa ho scritto in merito alla Mindfulness e alle tecniche di consapevolezza e rilassamento.

Oggi approfondiamo questa metodologia creata negli anni ’60 da questo medico spagnolo e che viene in aiuto, supporto e sostegno nella vita di tutti i giorni.
“La sofrologia è la pedagogia della felicità”, afferma Alfonso Caycedo

La sofrologia è composta da tecniche di rilassamento con sedute individuali o di gruppo.
Si fonda sulla relazione corpo-mente, come un tutt’uno, e prende spunto dalla conoscenza e dagli approfondimenti fatti dal Dott. Caycedo, della cultura Orientale: yoga, zen, meditazione.
Da queste culture non prende il misticismo, non è un cammino spirituale, ma rielabora le tecniche di rilassamento. Non è simile alla Mindfulness, anche se alcune tecniche si assomigliano, perché tiene conto del tempo passato, presente e futuro; la Mindfulness parte dal principio “essere presenti nel momento presente”.
La sofrologia utilizza il rilassamento sul posto, sia fisico che mentale, e il movimento.

Foto di Elena Fossati, Momento di pratica

Ci si incontra 1 volta alla settimana per 1 ora circa e si apprendono tecniche per potere proseguire a casa e esercitarsi giornalmente.

Un esercizio per ricentrarsi attraverso La sensazione

Siediti comodamente…
Chiudi dolcemente gli occhi…
Percepisci la presenza delle tue mani appoggiate sulle tue cosce…
Senti il contatto del corpo con la sedia…
Senti i piedi appoggiati al pavimento…
Percepisci ora per qualche minuti (da 1 a 3 circa) tutte queste sensazioni (le mani, la sedia, il pavimento) come se le vivessi per la prima volta…
Limitati a percepirle….
Ogni volta che sorge un pensiero, osservalo per qualche istante, poi torna alle tue sensazioni.
Respira tranquillamente…
Poi espira a lungo dalla bocca socchiusa… Inspira a lungo attraverso il naso…
E poi quando lo desideri, puoi sgranchirti, massaggiarti il viso… e infine apri gli occhi…

Elena Fossati

“Lo Spazio” 

 

Estate

Ogni stagione ha la durata di tre mesi e in campo astronomico ogni stagione è il tempo che intercorre tra un equinozio e un solstizio.

L’estate è quella delle quattro stagioni dell’anno che è dominata dal caldo e incomincia quando il sole entra nel cancro.  Etimologicamente deriva dal latino e significa calore. Termina all’equinozio d’autunno, a Settembre.
Il 24 giugno all’incirca avremo il solstizio d’estate, il giorno più lungo dell’anno, da questo giorno in poi la durata del giorno incomincerà a decrescere fino al prossimo solstizio, quello di inverno. In molte culture e religioni il solstizio d’estate viene celebrato con dei rituali: pensiamo ai nostri fuochi di San Giovanni, la notte del 24 giugno, che vengono fatti ancora oggi in alcuni paesi.

Estate il periodo della vacanza, del fermarsi, del prendere un tempo per se stessi, con la nostra famiglia, gli amici,…

Oggi mercoledì 8 giugno terminano le scuole e i nostri bambini godranno proprio delle vacanze estive: giocare, stare all’aperto, qualche compito per rimanere allenati…

Mi piace suddividere la parola Estate in EState:
E-State a casa
E-State in vacanza
E-State Insieme

Proprio perché le serate sono più lunghe, più luminose e ci invitano a stare all’aperto, ad uscire, proponiamoci di concederci e regalarci dei momenti solo per noi stesse, per noi stessi, magari sperimentando attività e approfondendo argomenti che non conosciamo, magari uscendo anche con le amiche e amici con cui non condividiamo momenti da tempo e lasciando a casa i nostri figli con i nostri compagni/e e mariti/mogli.

Sapete che spesso vi scrivo di prenderci degli spazi e dei tempi per noi, per crescere, conoscere.

Vi lascio qualche idea:

Sentire il proprio corpo in movimento e muoverlo più consapevolmente (Kinesi).

Parlare di Osteopatia e di bambini, e di osteopatia e gravidanza, oppure di osteopatia e problematiche dei giovani e degli adulti.

Confrontarci sui nostri figli che a scuola (ora è il tempo della vacanza) ci sono con il loro corpo e non solo con la mente!

Vivere una lezione aperta di Tai Chi

Fare un corso di Ceramica Raku

Parlare con un’esperta di soluzioni per l’organizzazione della vita famigliare

#EStateaLoSpazio

Elena Fossati

“Lo Spazio”

 

M come…

Iniziamo con il gioco “M come…” e subito ci vengono alla mente parole, animali, cose … ma oggi ci soffermiamo su alcune parole!

M come…

MOVIMENTO
MEDITAZIONE
MANTRA
MUDRA
MAMMA
MARE
OM

In questa lettera sono racchiuse sonorità, archetipi, simboli che ci riportano a noi stessi/e alle nostre radici.

E oggi vorrei condividere con voi alcune semplici parole, magari per vivere Meglio con noi stesse/i.
Se qualcuno/a trova qualche altra parola-frase positiva e evocativa con questa sonorità, mi scriva!

MOVIMENTO: “La Vita è Movimento, il Movimento è Vita!” -Aristotele-. Il movimento ci appartiene fin dal primo movimento nel grembo materno. Tutto è movimento! Abbiamo quindi la necessità di muoverci con consapevolezza e armonia. Vi propongo: troviamo  uno spazio per portare l’attenzione a questa caratteristica che ci appartiene e ci permette di fare tutto, nel nostre giornate. Proviamo a muoverci con consapevolezza magari per 1 minuto, portando proprio alla nostra attenzione e presenza il nostro MOVIMENTO. Oppure ballate, fate ginnastica dolce, camminate, praticate yoga… o se volete correte…

MEDITAZIONE: preghiera, rilassamento … Questa parola è tanto pubblicizzata oggigiorno, ma cosa significa? Forse è meglio dire cosa non significa. Non è concentrazione, in quanto la concentrazione è un’azione della mente che si mette a fuoco su un punto, una quesitone. Non è contemplazione che si allarga come tematica a qualcosa di più grande, vasto.
Forse l’unica affermazione che si può dare è che è uno stato: “Sono in Meditazione!” e forse si trova tra la concentrazione e la contemplazione, o forse li comprende? Sperimentate voi!

MANTRA: non è una formula magica, ma sicuramente la parola sanscrita porta in sé una magia fatta dal nostro mondo interno. Il mantra modifica, libera, agisce sul pensiero, la mente, l’anima… Il Mantra è presente in tutte le culture tradizionali, religioni, pratiche spirituali in modi e con sfumature diverse. Anche gli psichiatri hanno parlato, dal loro punto di vista, di Mantra: es. il dot. Bion e la profezia che si autoavvera!

OM è un Mantra, o è il mantra per definizione, la base dei mantra. E’ il suono primordiale, il Verbo della Bibbia, da cui tutto deriva.

MUDRA: un gesto, dei gesti, usati in diverse religioni. Questi gesti hanno delle conseguenze sul piano fisico, psichico e spirituale. Usati spesso nella pratica Yoga per completare le posizioni (ASANA). Usati in alcune danze indiane e buddiste.

MAMMA: Madre. Parola che contiene il suono M, facile da pronunciare, perché ricorda la posizione delle labbra durante la suzione. Condivisa nel diverse culture.

MARE: il suono M, acqua…. Cosa vi ricorda? Mamma, grembo,… quante assonanze con le altre parole sia nel suono, sia nei simboli, archetipi, legami…

Vi propongo: perché non darci uno spazio per sperimentare questo suono “M” attraverso il movimento, i Mantra, le Mudra…anche portando un po’ di attenzione a ciò che facciamo…

Buona Settimana

Elena Fossati
“Lo Spazio”

Un Albero Speciale

Stavo preparando il nuovo incontro per il gruppo di DanzaMovimentoTerapia che conduco ogni mercoledì. Le partecipanti al percorso stanno vivendo un ciclo di quattro incontri intitolati: “DanzaMovimentoTerapia di Fine Inverno”.

Ogni incontro ha un suo tema, ma questo ciclo di incontri in preparazione della primavera, ha un suo  filo conduttore che lega incontro dopo incontro: l’Albero… L’albero come creatura vivente, l’albero che siamo noi… Un albero quindi speciale.

Le partecipanti , anche se a parole non l’ho mai esplicitato,  stanno vivendo, sperimentando, creando, muovendo e anche danzando, attraverso , la loro corporeità e la loro creatività,  la linfa che sale dai  piedi e arriva al cuore,…  il movimento dei nostri piedi-radice…, delle dita… del tronco… e lentamente stanno vivendo  l’ Albero che è in ognuno di noi: un albero speciale!

E allora:

Piedi-Radice

Corpo-Tronco

Braccia-Rami

Mani-Foglie

Testa-Chioma

Il gruppo è arrivato al terzo incontro e questa sera proporrò una meditazione guidata… La voglio condividere con tutte voi, magari la farete con noi da casa… e magari vi verrà il desiderio, un giorno o l’altro, di venire e muovervi e a creare coreografie e danze libere con noi!

Guardate  questo video su YouTube: http://youtu.be/h4vGhPXyEUg

Per il resto … Non vi dico più nulla … Noi questa sera proseguiremo a muovere, danzare, creare l’albero che siamo…quell’albero speciale.

Elena