Un tempo per stare soli

Oggi vi invito a prendervi un tempo per stare soli, non solo ed esclusivamente perché siete soli in casa, ma un tempo per stare soli con voi, in silenzio…
So che non sarà facile…
Ma se lo facciamo insieme …
Sapremo che questo stare da soli avrà un significato per tutti!

“Paradossalmente, la capacità di stare soli è la condizione prima per la capacità d’amare”.

Erich Fromm

“Così per amare, bisogna imparare prima a pazientare, a sapere stare da soli, ad accettare l’altro e rispettarlo; importante poi è avere fiducia in se stessi perché in fondo è nel rapporto con il proprio sé che si sviluppa il rapporto con il prossimo”.

Erich Fromm

#BuoniGiorni

#VenerdìSanto

Elena

Gli spazi per il corpo e la mente

Spesso mi ritrovo a scrivere di  corpo-mente (anche cuore!), tematica che mi appartiene e fa parte del mio percorso personale e professionale.  Pensare che fino a Cartesio non avevamo la necessità di ritrovare la relazione corpo-mente e nella cultura orientale è sempre prevalsa una visione olistica. 

Per non tralasciare  questa unità  vi invito a prenderci uno “Spazio allo Yoga” con Elisa per rilassare corpo e mente:

E settimana prossima ,vi daremo dettagli, avremo un appuntamento con una diretta Zoom per praticare insieme Yoga con Elisa.

Un’altra opportunità per vivere questa dimensione mente-corpo la possiamo sperimentare con la registrazione visibile, al link che troverete di seguito del nostro canale YouTube, della pratica in diretta Zoom di sabato 4 aprile: MediTiAmo!? con Elena e Valentina, il cui tema è stato la consapevolezza della nostra esperienza interiore, che può espandersi e allargarsi agli altri, alla nostra comunità, al nostro Paese, a tutto il mondo.

L’ESPERIENZA INTERIORE!

Sabato 11 aprile (Sabato Santo per i Cristiani Cattolici, un giorno di silenzio) vivremo una pratica meditativa fondata sul silenzio con un nuovo appuntamento Zoom MediTiAmo!? dalle 18:00 alle 18:40

Per collegarti entra direttamente da questo link:

https://zoom.us/j/792324135?pwd=bWZWZWxxM244NlZUSDRTZUM2aERGUT09

Oppure inserisci Meeting ID: 792 324 135

Infine oggi pomeriggio (alle 16:30) Marta e io abbiamo realizzato un nuovo momento di danza insieme a un grande gruppo di donne di danza, che da tutta Italia si unirà per un momento di danza meditativa per richiamare la rinascita. 

Attraverso una meditazione danzata il gruppo entrerà, portando simbolicamente la danza dal proprio centro agli angoli più nascosti e a tutti noi,  in una espansione di consapevolezza, forza, calore, energia vitale dal nostro centro fino agli angoli più nascosti… per farci tornare a respirare, per donare energia vitale, luce per illuminare il nostro cuore…. (Tratto dal messaggio di Marta).

E ieri sera il nostro satellite ha raggiunto la fase di Luna Piena in prossimità della minima distanza dalla Terra (perigeo), alle 20,10! Quanta energia! 

Foto tratta da https://www.vesuviolive.it/eventi/333484-superluna-7-aprile-2020/

#BuoniGiorni

Elena

Un lunedì non solo per bambini

Questi lunedì a casa stanno trasformando Monica (la mia collega psicomotricista) e me… emergono nostri interessi e curiosità. 

Sto scoprendo che Monica ha una passione per ciò che è forma, grafico pittorico,… creazione di forme… (se volete avere una conferma scorrete il blog a ritroso per leggere dei giochi psicomotori che Monica ha condiviso con me). 

La nostra proposta di oggi non è solo per bambini però! 

È uno stare tra le forme, i vuoti e i pieni, le distanze, … i contorni, i limiti e i confini che sono importanti per tutti noi e che dovremmo re-imparare guardando i bambini! 

Monica mi ha fatto scoprire Laura Bettini, una psicomotricista relazionale e formatrice, con cui mi sono trovata in sintonia fin dalla prima pagina del suo libro!

Nella prefazione il Prof. Giangiorgio Pasqualotto parlando di pieni e di vuoi, di Taiji e di Qi con uno scritto poetico di Lao Tzu, tratto dal Tao te Ching, ci introduce alla relazione tra vuoto/pieno, distanza/lontananza, forma..

Trenta raggi convergono sul mozzo,

ma è il foro centrale che rende utile la ruota.

Plasmiamo la creta per formare un recipiente

ma è il vuoto centrale che rende utile il recipiente.

Ritagliamo porte e finestre nelle pareti di una stanza:

sono queste aperture che rendono utile la stanza.

Perciò il pieno ha una sua funzione,

ma l’utilità essenziale appartiene al vuoto.

Gli esseri umani sono morbidi e flessibili.

quando nascono,

duri e rigidi quando muoiono.

Gli alberi e le piante sono teneri e flessibili

quando sono in vita,

secchi e rigidi quando sono morti.

Perciò il duro e il rigido sono compagni della morte,

il morbido e il flessibile sono compagni della vita.

Un combattente che non sa arretrare non può vincere,

un albero incapace di spiegarsi si spezza.

La rigidità e la forza sono inferiori,

la flessibilità e la morbidezza superiori.

Lao Tzu, da Tao te Ching

Vi invito a leggere le prime pagine del testo di Laura Bettini https://books.google.it/books?id=vvXfDQAAQBAJ&printsec=frontcover&hl=it&source=gbs_atb#v=onepage&q&f=false 

La proposta di oggi è molto particolare: 

Prendi un foglio e puoi sistemarti alla luce del sole che entra dalla tua finestra o sul tuo balcone… oppure usa una lampada da tavolo (magari fatti aiutare da un adulto).  

Guarda cosa fa la luce sul foglio proietta una forma…  Magari è l’ombra del tuo dinosauro, oppure l’ombra di un oggetto… che diventerà qualcosa d’altro…! 

Aspettiamo i vostri disegni di ombre e forme!!!! 

#BuoniGiorni

Elena

Stare nel qui e stare nell’ora con un virus

Nelle pratiche di yoga, meditazione, mindfulness si pratica la postura della montagna, maestosa e regale come una regina, come un re, con la sua corona… 

Un virus con la corona ci ha improvvisamente catapultato nel qui e nell’ora!

Ho appena terminato di leggere un articolo di Paolo Giordano de “Il Corriere della Sera”, che parla di dopo e di ciò che non voglio scordare, ma ne parla focalizzandosi sul qui e ora. Molto interessante, consiglio di leggerlo.

https://www.corriere.it/cronache/20_marzo_20/virus-dopo-ecco-mia-lista-cose-che-non-voglio-scordare-d860d476-6ad9-11ea-b40a-2e7c2eee59c6.shtml?refresh_ce-cp

Questo virus ci ha messo di fronte al fatto che noi passiamo dal passato al futuro, senza fermarci sul presente che in realtà (!) è l’unica realtà, il resto è pensiero! 

Paolo Giordano parla di IMPENSABILE, cioè qualcosa che non si può pensare, spesso noi parliamo di PREOCCUPAZIONE, pensare di occuparci prima … salvo che poi non ci occupiamo di questo qualcosa!!!!!   

Questo virus “regale e maestoso” ci sta dando un grande insegnamento: ci sono cose da lasciare andare (al passato), ci sono cose da mantenere (possiamo scegliere).

Anche io ho deciso quindi di compilare la mia lista di ciò che voglio tenere a mente.

Dopo avere letto l’articolo, vi invito a scrivere la vostra lista e sarebbe bello confrontarci, facendone tesoro. 

#IoRestoaCasa 

Elena

La mia lista: quali esperienze mi sono utili da mantenere 

  • rispetto delle regole: la regola è qualcosa che a me piace molto, perchè ci salva la vita. Lo sottolineo sempre… tutto ha delle regole, un ritmo,… la natura,… i giochi,… ma soprattutto noi italiani non abbiamo un bel rapporto con la regola, tanto che anche nelle scuole spesso uso dei sinonimi: troviamo un accordo, come nell’orchestra, altrimenti si genera confusione… troviamo un ritmo comune… Ho visto e vedo tante persone che rispettano le regole 
  • il treno del cambiamento. Questo virus regale ci sta cambiando giorno per giorno: attenzioni alla cura di noi (igiene personale e familiare), il rispetto dell’altro e l’attenzione all’altro che non possiamo incontrare,… il treno del cambiamento parte da un solo binario e una volta sola,… questo treno se lo perdi lo hai perso… la natura ci insegna, non è pietosa e benevolente, come spesso ce la dipingiamo… 
  • L’attenzione alla natura, all’ambiente, al nostro pianeta… 
  • I valori della solidarietà, generosità, il contatto con gli altri,… quante esperienze di questo genere stiamo vivendo. Telefonate, videochiamate,… messaggi,… 
  • Il discernimento per potere scegliere in modo critico e razionale tra le informazioni 
  • E ora dopo che la paura del contagio è arrivata e ci ha fatto restare a casa, ora  abbiamo da far fronte a un’altra paura: ce la farò a stare a casa per un tempo che non è definito? riuscirò a stare nella convivenza forzata con gli altri? Ce la farò a stare da solo/a nella mia casa? Ora viviamo questo presente attrezzandoci per stare in questo qui e ora, perchè ora stiamo esercitando una grande capacità che ci appartiene quella dell’EQUILIBRIO

Ora ognuno di noi, per come è fatto, ha bisogno di mettere in atto questa capacità… e se non l’abbiamo allenata prima … ora è il tempo di iniziare la pratica!

#BuoniGiorni 

Tendenze

Sabato leggevo sulla rivista Io Donna, settimanale che apprezzo molto, un articolo interessante: “Come nasce una tendenza?” di Sara Maggioni.

https://www.iodonna.it/moda/tendenze/2019/08/19/tendenze-moda-come-nascono-trend-forecasting-wgsn-intervista/

Stupita per tutto il lavoro che ci sta dietro alla ricerca delle mode e tendenze per un periodo, stagione, anno,… mi sono soffermata su un argomento che mi sta a cuore: il Wellness.

Sono una operatrice sanitaria che ha approfondito le tecniche e pratiche non convenzionali. Utilizzo e consiglio la Medicina non Convenzionale da affiancare alla Bio-Medicina. Osservo e noto la crisi dei sistemi sanitari globali. Ho due figli Millenial che hanno conoscenze, esperienze e “saggezze”, frutto di questo mondo che cambia velocemente e con un numero elevato di adulti in “crisi”!

Quali saranno le mie tendenze per l’autunno/inverno 2019-2020?

Come persona, Elena, proseguirò il mio percorso professionale e personale (aggiungerei), iniziato a marzo 2019, il Master in Neuroscienze, Mindfulness e Pratiche Contemplative , che si concluderà a marzo 2020.

Vorrei portare nel mio lavoro e a “Lo Spazio” – www.lospazio.org – queste tematiche: Mindfulness e Pratiche Contemplative; consapevolezza del proprio corpo-mente-cuore!

Credo però che la Consapevolezza (Mindfulness) sia una nuova tendenza che accompagna/accompagnerà giovani e meno giovani in questo autunno e che mi auguro coinvolgerà sempre più persone, in settori diversi: dal cibo, allo stile di vita (es. lo scandinese, come si legge nell’articolo), dal modo di vestirsi, all’attenzione al nostro ambiente di vita quotidiana e del pianeta,… una ricerca personale e spirituale.

Spero che la tendenza dei Millenials, per il prossimo autunno – inverno 2019/2020, sia dare un esempio agli Xennials, di cui anche io faccio parte (come generazione), che avrebbero dovuto conoscere la vita vera,… ma che forse sono rimasti legati al consumismo non consapevole!

“Lo Spazio” porterà la sua tendenza: tu al centro! Perchè tu per noi sei la persona più importante di cui prenderci cura ora!

E tu? Quali sono le tue tendenze per l’autunno- inverno 2019/2020?

#BuoniGiorni

Elena