Bambini e Adolescenti: e ora?

“Disturbi del sonno, attacchi d’ansia, aumento dell’irritabilità. Sono i sintomi più frequenti di cui hanno sofferto le bambine, i bambini e gli adolescenti nel nostro Paese durante l’isolamento a casa per l’emergenza coronavirus. Lo evidenzia l’indagine sull’impatto psicologico della pandemia Covid-19 nelle famiglie in Italia promossa dall’Irccs Giannina Gaslini di Genova e guidata dal neurologo Lino Nobili, che dirige il dipartimento di Neuropsichiatria infantile dell’istituto”.

http://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_4_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=salastampa&p=comunicatistampa&id=5573

Dall’analisi è emerso che nel 65% e nel 71% dei bambini con età rispettivamente minore o maggiore di 6 anni sono insorte problematiche comportamentali e sintomi di regressione. Per quel che riguarda i bambini al di sotto dei sei anni, i disturbi più frequenti sono stati l’aumento dell’irritabilità, disturbi del sonno e disturbi d’ansia (inquietudine, ansia da separazione). Nei bambini e adolescenti (età 6-18 anni) gli effetti più frequenti sono stati i disturbi d’ansia e la sensazione di mancanza d’aria, ma anche i disturbi del sonno (difficoltà ad addormentarsi e a svegliarsi per iniziare le lezioni per via telematica a casa). In particolare, proprio in questa fascia di età è stata osservata una significativa alterazione del ritmo del sonno con tendenza al cosiddetto ‘ritardo di fase’ (adolescenti che vanno a letto molto più tardi e non riescono a svegliarsi al mattino), come in una sorta di ‘jet lag’ domestico. Tra questi ragazzi è stata riscontrata più frequentemente anche una maggiore instabilità emotiva con irritabilità e cambiamenti del tono dell’umore. (tratto da Indagine condotta da Gaslini di Genova).

Ora, nella fase 2, dove con mascherina per i bambini dai 6 anni, possiamo uscire, interagire, con l’attenzione alle distanze, osserviamo bambini che non vogliono uscire di casa, bambini/adolescenti che si ribellano alle regole, difficoltà di gestione delle emozioni (con reazioni molto forti).

I bambini e gli adolescenti hanno risentito  dell’emergenza, ora dobbiamo aiutarli a ritrovare la loro sicurezza ed equilibrio. 

La gravità comportamentale può essere collegata al grado di malessere e al disagio dei genitori: disturbi d’ansia, dell’umore, disturbi del sonno, consumo di farmaci ansiolitici e ipnotici nei genitori, danno conseguenze emotive anche ai figli. È quindi importante prendersi cura degli adulti per aiutare anche i più giovani (i risultati sono più accentuati nelle famiglie con disagi psichici/di salute prima della pandemia). 

Inoltre  la dissonanza tra quanto i genitori, gli adulti hanno detto/dicono e le emozioni che sono trasparite o che emergono, creano nei più piccoli confusione: informazioni positive es. “vedrai che sarà tutto come prima”, “potrai re-incontrare i nonni”… e le emozioni, il nervosismo, la preoccupazione … creano forti dissonanze.

Cosa fare?   

Innanzitutto è molto importante dire la verità in modo adeguato all’età del bambino e della bambina; non creiamo lunghi discorsi con spiegazioni complesse, i bambini sono semplici e diretti.

È importante invitarli ad esplorare i loro pensieri non gentili e le loro emozioni negative, le loro sensazioni spiacevoli, dovute alle esperienze stressanti che hanno vissuto in questo periodo, come noi adulti.

Cosa abbiamo sentito, provato, pensato noi adulti? Anche i bambini a loro modo hanno vissuto ciò. Osserviamo e accogliamo le loro esperienze, ma anche le nostre esperienze. 

Ci sono poi percorsi per aiutare bambini e adolescenti a trovare strategie per ascoltare, fare spazio alle emozioni, guardare il mondo da un diverso punto di vista, fare movimento…  Le tecniche di mindfulness per esempio, possono dare un contributo a ciò, come tutte le esperienze come attività psico-coporee, che stimolano il processo creativo, o come le artiterapie. 

Prendiamoci un tempo di cura e ben-essere del nostro modo interno e avremo ben- essere anche nel mondo esterno!

#BuoniGiorni

Elena

Yoga

Si parla sempre di Yoga, spesso su questa pratica ci facciamo idee date dall’uso che fanno le immagini in TV, eppure, lo Yoga è più vicino a noi di quanto lo possiamo immaginare: ginnastica dolce, metodologie di pratica corporea recenti e in gran voga oggi, usano posture (Asana) e movimenti dello yoga!
Pensando di educare anche i più giovani verso questa pratica che non è uno sport, ma aiuta nello sport,… che non è una materia di studio, ma aiuta nello studio,… Oggi vorrei condividere con voi la mia conversazione con Nanh istruttrice di yoga, anche se praticando con lei, la definirei facilitatrice di yoga,… proprio perché praticandolo ci si rende conto che lo yoga è dentro di noi!

Ciao Nanh, vorrei proprio parlare con te di YOGA, una pratica tanto antica e tanto di moda, che spesso non viene più considerata per quello che davvero è… Ci racconti bene di cosa ti occupi? Cosa è lo yoga?

Mi occupo di Yoga. Ho deciso di farne la mia professione per condividere, con chiunque ne abbia interesse, gli strumenti che mi accompagnano nella vita quotidiana interiore, relazionale e sociale.
Condivido le tecniche che aiutano l’integrazione dei 5 livelli dell’essere umano: fisico, energetico, emozionale, intellettuale e spirituale.

Chi sono i tuoi clienti?

Tutti. Poichè “curarsi” significa “prendersi cura” nel senso da noi inteso di prevenzione e mantenimento del ben essere integrale dell’individuo e della società in cui si vive.
In molti si avvicinano, allo Yoga per alleviare tensioni fisiche ed emotivo-psicologiche che trovano nella pratica un solido supporto.
Altri per imparare a ritrovare, sviluppare e mantenere il ben essere umano globale.

Sono persone della zona o vengono anche da Milano per beneficiare dei tuoi trattamenti?

Mi occupo di Milano, Monza e Brianza.

Di che età parliamo?

Qualsiasi. Nel centro “Lo Spazio” di Elena Fossati ho pensato di dedicare un progetto ai più giovani: mi dedico ai ragazzi dai 12 ai 20 anni. Ma abbiamo già in progetto di dedicare un’ ora alla settimana anche ai più piccoli, così curiosi e aperti al sapere e al conoscere.

Cosa fai in pratica che attività proponi?

Lo sviluppo della Consapevolezza fisica ed emotiva.
Ci si concentra sulle posture fisiche, sulla respirazione e sulla meditazione (non pensate agli asceti!), sviluppando la creatività di ciascuno e rafforzando la propria sicurezza in ogni ambito.

Hai ragione Nanh, penso sia importante portare la consapevolezza corporea, mentale, emozionale nei ragazzi che spesso fanno molte attività, ma non si fermano a vivere le attività in modo consapevole e presente a loro stessi! non lo facciamo nemmeno noi adulti, a dire il vero…

Grazie Nanh e ora pratichiamo un po’?
Ragazzi e ragazze io pratico e voi non volete sperimentare questa metodologia dolce e nello stesso tempo così forte? Vi Aspettiamo ….
Elena Fossati e Nanh.