Corpo

Vorrei soffermarmi su tre temi  in queste settimane: il corpo, le emozioni, i pensieri. 

Ma … Iniziamo dal corpo

Tutti parlano del corpo, già, tutti ne parlano, ma io preferisco fare esperienza con il corpo, piuttosto che parlare… Sarà una mia deformazione personale e professionale dato che sono una DanzaMovimentoTerapeuta e mi occupo e mi sto formando nella Mindfulness (in realtà nasco come riabilitative psichiatrica che cerca di fare stare nel corpo coloro che per disagi e quanto altro cercano di scappare dal corpo…)!

Quando, infatti,si riesce a tranquillizzare la mente, che parla e pensa del corpo…, riusciamo a tornare a percepire il corpo. 

Nella storia dell’umanità, nelle tradizioni e nella ricerca psicologica, scientifica, il corpo è sempre stato un tema interessante. La psicologia, la scienza, la filosofia, …. hanno avuto la necessità di includere il corpo, con la sua saggezza ed esperienza, nella spiritualità e nel mondo della cognitività. 

Anche oggi stiamo cercando di riportare al corpo la società tecnologica, che a suo modo lo ignora.

Purtroppo il corpo quando si sente ignorato si fa sentire nei modi più svariati: lo vediamo nelle malattie psicosomatiche, da stress, nel dolore cronico,… E in altre patologie moderne. 

Leggevo in questi giorni di mister Duffy, il personaggio di James Joyce che:

“Viveva a poca distanza dal proprio corpo“.

Leggevo anche che A New York, un corpo di un uomo quarantenne, vestito elegantemente, morto allora di punta del mattino, ha fatto avanti e indietro per una giornata, sulla linea metropolitana, senza che nessuno lo notasse! 

Il corpo umano è però estremamente prezioso. Sempre citando le mie letture di studio e approfondimento sulla Meditazione, la Mindfulness e la psicologia buddista leggo:

“La consapevolezza del corpo ci consente di vivere pienamente e porta guarigione, saggezza e libertà“

Jack Kornfield, “Il cuore saggio“. 

La mia piccola consapevolezza mi ha fatto esperire che per esserci durante la meditazione, le tecniche di consapevolezza,… È importante stare inizialmente nelle sensazioni del corpo… Le sensazioni ci consentono di renderci conto di essere nel qui ed ora… 

Inoltre è molto importante prendersi cura del proprio corpo, attraverso la meditazione camminata, lo yoga, il Qi Cong, il Tai Chi, la danza movimento terapia,…ma anche altro di vostro gradimento. E anche attraverso i rituali della vita quotidiana: prenderci cura della nostra pelle, della nostra alimentazione,… solo prendendoci cura del corpo, possiamo fermare il corpo e sederci a meditare sulle sensazioni presenti e così entrare nella consapevolezza profonda! 

Elena 

#BuoniGiorni 

Curiosità: 

La mediazione camminata

Annunci

Tendenze

Sabato leggevo sulla rivista Io Donna, settimanale che apprezzo molto, un articolo interessante: “Come nasce una tendenza?” di Sara Maggioni.

https://www.iodonna.it/moda/tendenze/2019/08/19/tendenze-moda-come-nascono-trend-forecasting-wgsn-intervista/

Stupita per tutto il lavoro che ci sta dietro alla ricerca delle mode e tendenze per un periodo, stagione, anno,… mi sono soffermata su un argomento che mi sta a cuore: il Wellness.

Sono una operatrice sanitaria che ha approfondito le tecniche e pratiche non convenzionali. Utilizzo e consiglio la Medicina non Convenzionale da affiancare alla Bio-Medicina. Osservo e noto la crisi dei sistemi sanitari globali. Ho due figli Millenial che hanno conoscenze, esperienze e “saggezze”, frutto di questo mondo che cambia velocemente e con un numero elevato di adulti in “crisi”!

Quali saranno le mie tendenze per l’autunno/inverno 2019-2020?

Come persona, Elena, proseguirò il mio percorso professionale e personale (aggiungerei), iniziato a marzo 2019, il Master in Neuroscienze, Mindfulness e Pratiche Contemplative , che si concluderà a marzo 2020.

Vorrei portare nel mio lavoro e a “Lo Spazio” – www.lospazio.org – queste tematiche: Mindfulness e Pratiche Contemplative; consapevolezza del proprio corpo-mente-cuore!

Credo però che la Consapevolezza (Mindfulness) sia una nuova tendenza che accompagna/accompagnerà giovani e meno giovani in questo autunno e che mi auguro coinvolgerà sempre più persone, in settori diversi: dal cibo, allo stile di vita (es. lo scandinese, come si legge nell’articolo), dal modo di vestirsi, all’attenzione al nostro ambiente di vita quotidiana e del pianeta,… una ricerca personale e spirituale.

Spero che la tendenza dei Millenials, per il prossimo autunno – inverno 2019/2020, sia dare un esempio agli Xennials, di cui anche io faccio parte (come generazione), che avrebbero dovuto conoscere la vita vera,… ma che forse sono rimasti legati al consumismo non consapevole!

“Lo Spazio” porterà la sua tendenza: tu al centro! Perchè tu per noi sei la persona più importante di cui prenderci cura ora!

E tu? Quali sono le tue tendenze per l’autunno- inverno 2019/2020?

#BuoniGiorni

Elena

E dopo il silenzio

Sono rientrata sabato appena trascorso da un ritiro sulla meditazione Vipassana (per approfondimenti: https://www.iltk.org/attivita/un-cuore-saggio-3/ ), intitolato “Un cuore saggio” condotto da dott. Paolo Testa presso l’istituto Lama Tzong Khapa di Pomaia (Pisa).
Un ritiro nel Nobile Silenzio, per entrare in “una mente calma dimorante e una consapevolezza inconscia e profonda” (cit. Paolo Testa).
Sono entrata nel silenzio, nel raccoglimento personale, dove il respiro mi ha portato sempre più in profondità all’incontro con me stessa e anche con altro da me… Momenti più complessi e momenti più semplici,… Distrazioni e momenti di pace sono stati compagni di questi giorni…
E cosa resta ora dopo il silenzio?
Ho in me un mente-cuore (Paolo Testa) più aperta, chiara, equilibrata; ho energia,… Certo ho anche chiari alcuni aspetti nodosi, che hanno bisogno di essere lasciati andare…

“Nel luogo della consapevolezza, respiro,
c’è <<lo spazio delle cose>>:
lo spazio per le emozioni, le sensazioni, i pensieri, la creatività, la morte,…
C’è uno spazio…
Nel luogo della consapevolezza, respiro, con una mente chiara, sapendo che sono tra la terra e il cielo“.
E. F.
Un cuore saggio e una mente cuore!

#Buonigiorni

Elena

#Vipassana #Silenzio

I sassi parlanti

Per interrompere il silenzio di questi giorni e per riflettere su di esso, ecco un breve racconto, la storia dei “Sassi Parlanti”:

«Nell’antichità, quando gli uomini non avevano la scrittura, per comunicare cercavano un sasso la cui forma esprimesse i loro sentimenti e lo davano ad un’altra persona. Chi lo riceveva, dalla sensazione al tatto e dal peso, capiva i sentimenti di chi lo aveva inviato». 

Racconto tratto dal film “Departures”.

Quale sasso esprime i tuoi sentimenti? 

#Buonigiorni

Elena

#sasso #silenzio #departures #buonigiorni

Silenzio

Ieri sera ho visto il film “The first man”, uno dei film per i 50 anni dallo sbarco sulla luna.

Cosa mi ha colpito del film? I secondi di silenzio dello sbarco sulla luna! Nessun brano musicale, nessuna parola: silenzio.

Quanto rumore per nulla! Lo affermo io per prima, essere sociale e che ama parlare, ma quanto importante e comunicativo è il silenzio

E in quanti hanno scritto di silenzio… La foto è tratta dalla copertina di un libro: “IL DONO DEL SILENZIO” di Thich Nhat Hanh.

Dopodomani andrò ad un ritiro di 9 giorni di silenzio: chissà cosa mi accadrà, ve lo farò sapere.

Per oggi proviamo a fare due esperienze: 

✔️La prima è ricordare un momento speciale di silenzio, un silenzio che ci ha lasciato un segno…

✔️La seconda è sperimentare uno spazio, un tempo di silenzio un po’ prolungato, per ora senza forzarci, che basti per noi… Magari piano- piano, aggiungendo piccoli attimi di silenzio presenti, aumenteremo lo spazio e il tempo del silenzio e comunicheremo con altre modalità…

Vi racconterò al mio rientro! 

#Buoni giorni! 

Elena
P.s: per interrompere il silenzio mercoledì prossimo, sarà pubblicato un racconto breve sui sassi…

#silenzio #TheFirstMan #Luna #Moon #ritiro 

Ricomincio da qui: Mindfulness e Pratiche Contemplative

Dopo avere salutato Superfluonecessario e avere preso un tempo di pausa, è arrivato il tempo di riprendere a lasciare una traccia, forse più personale avendo creato questo blog, per ora gratuito e su questa piattaforma. Forse è arrivato il tempo, grazie all’esperienza acquisita con Antonella natalis, di camminare con le mie gambe.

E ricomincio da qui: da un percorso personale e professionale intrapreso qualche anno fa grazie al mio background formativo e di vita.

Tra pochi giorni prenderò parte a un ritiro sulla meditazione Vipassana:

Un cuore saggio
Saggezza e compassione nella meditazione vipassana

Condotto da Paolo Testa presso l’Istituto Lama Tzong Khapa https://www.iltk.org/attivita/un-cuore-saggio-3/

Particolare della piazza di ingresso all’istituto ILTK – Pomaia Pi-

Prossimamente vi racconterò dell’esperienza.

A marzo 2019 ho iniziato a frequentare un master organizzato dall’Università di Pisa “Neuroscienze, Mindfulness e pratiche Contemplative” proprio per il mio interesse professionale e personale rispetto a queste tematiche: la relazione tra scienza e spiritualità; la relazione tra meditazione, Mindfulness e Pratiche Contemplative; una migliore conoscenza delle pratiche contemplative che ogni cultura ha nella sua tradizione spirituale. Non ultimo il mistero tra mente e cervello!

Questo percorso di formazione universitario sta sicuramente facendomi riflettere come professionista e come persona.

Da “occidentale”, come spesso mi sono definita durante alcuni incontri/lezioni con i monaci, Gesche, incontrati presso il centro ILKT, sento la necessità di spiegare alcuni fenomeni, forse come molti di noi; d’altro canto questa formazione mi sta invitando ad “accettare” e a “lasciare andare” partendo proprio da qualcosa che ci caratterizza e appartiene: il respiro.

“Qual è la prima cosa che ci fa dire che sarà una bella giornata?”, ci ha chiesto un docente del master durante una lezione (Prof. Marco Braghero), qual è secondo voi?

….È il RESPIRO

Esattamente un anno fa per il blog Suprfluonecessario scrivevo di “Perle Wellness”: https://elenafossati.wordpress.com/2018/07/25/36962-2/ A questo link troverete anche un audio per iniziare da qui, per iniziare dal nostro respiro…

A presto Elena