Riflessioni su Sant’Agata e le donne…

Oggi è Sant’Agata, una santa dedicata alle donne.

Chi era questa giovanissima donna lo possiamo leggere con dovizia di particolari anche su Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Sant%27Agata 

Agata è la Protettrice delle “Baile” (balie), delle mamme che allattano e di tutte le malattie che riguardano l’allattamento, ma è invocata anche contro la violenza del fuoco e delle eruzioni vulcaniche, perché quando un anno dopo la sua morte, una grande eruzione dell’Etna minacciò con le sue lave ardenti la città della Santa, bastò che i fedeli spiegassero sulla sua tomba, fuori Catania, il candido velo della vergine Agata, perché la fiumana di fuoco si arrestasse liberando la città dal pericolo. Da allora Agata è diventata anche la protettrice di Catania. Nel milanese il 5 febbraio le donne, festeggiano la loro Patrona  con le “chiacchiere” di Sant’Agata”,  frittelle cotte al forno o in olio, ed è l’occasione per trovarsi attorno al tavolo, quando, un discorso tira l’altro, e fare quattro chiacchiere tra amiche  rallegra il cuore! Nonna Giuse

Quando leggo delle vite di queste sante mi trovo sempre a riflettere sulla forza, il coraggio e anche la violenza dei racconti:  altri esempi di donne sante tra forza e violenza, Santa Lucia e Santa Odilia che ci ricordano, nel giorno più buio, la luce. https://elenafossati.wordpress.com/2018/12/12/santa-lucia-e-odilia-portatrici-di-luce/  

Oppure la forza e il coraggio di Hildegard Von Bingen: https://elenafossati.wordpress.com/2016/04/06/hildegard-di-bingen/ (per chi volesse approfondire ci sono ancora alcuni incontri su questa donna, dottore della chiesa, a Milano, in collaborazione con Vangelo e Zen). 

La riflessione che sempre faccio è quanta forza in tanta fragilità, umiltà, violenza… Questo sempre rialzarsi e mantenere fede e pensiero chiari e saldi… 

Sabato, con la collega Marta, un gruppo di donne ha danzato in cerchio per mano, per l’appuntamento con le danze sacre e meditative: un gruppo di donne con le proprie fragilità e le proprie forze, che condividono le proprie energie, diverse, per danzare nella vita, nel silenzio dei passi e dei tempi. 

Nuove energie, un modo diverso di portare la presenza e la consapevolezza in un periodo dove la violenza, non solo sulle donne, ma anche sul pianeta Gaia (nome femminile), su tutti gli esseri è presente: la danza per mano nel cerchio, nel cerchio siamo tutti uguali e tutti possiamo guardarci e sostenerci! 

Tra le danze abbiamo ricordato il racconto della “Loba”, la donna-lupa, una storia lontana … che:

“Tocca in chi ascolta quel nervo che corre attraverso la base del cranio giù fino al cervelletto, appena sotto il ponte di Varolio. Allora gli impulsi degli ascoltatori sono spinti verso la consapevolezza oppure, si dice, verso l’anima… A seconda del modo in cui ascoltano”. (Pagina 25. Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi).


Vi dono la musica della nostra danza della Loba

#Buonigiorni

Elena 

#santagata #santalucia #santaodilia #HidegardVonBingen #donne #danzesacre #danzemeditative #clarissapinkolaestes #donnechecorronocoilupi 

Pubblicato da

elenafossati

Coordinatrice "Lo Spazio” Dott.a in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica, n. 6 albo professione sanitaria di tecnico della riabilitazione psichiatrica, presso l'Ordine TSRM PSTRP di Milano Como Lecco Lodi Monza-Brianza Sondrio; iscr. reg. AITERP n. 1414 Master in "Sistemi Sanitari Medicine Tradizionali e non Convenzionali" DanzaMovimentoTerapeuta APID®, iscr. reg. n. 51/2000 cell. 3288339173 www.lospazio.org www.lospazio.org/abitare

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...